FDM2024 - Festa Europea della Musica - PISA

La prima orchestra siamo Noi
FDM2024 - Festa della Musica 2024
Venerdì, 21 Giugno, 2024 - 21:00
Cavea centro Espositivo SMS - Pisa
locandina: 

La musica immagina il Futuro è il tema del concerto per la Festa Europea della Musica 2024 - FDM2024 che la Società Filarmonica Pisana offre alla città e al suo pubblico: l'evento è inserito tra gli appuntamenti promossi dal MIBACT e dall'AIPFM e consente alla città di Pisa di figurare tra le capitali Europee promotrici di iniziative musicali nella 30° edizione.

Il titolo dell'edizione 2024 della Festa Europea della musica è "La prima orchestra Siamo noi" dedicata proprio alle bande musicali che svolgono un ruolo centrale nella formazione e nella promozione della cultura musicale.

Il tema del concerto "La Musica immagina il Futuro" è dedicato alle colonne sonore di films e serie tv che hanno immaginato il futuro. Ascolterete le colonne sonore di Star Wars, Mars Attacks, Independence Day, Blade Runner, Star Trek, e molti altri, in un viaggio intergalattico che parte dalle pietre miliari degli anni ’60/’70 e arriva fino ad oggi. Molti degli arrangiamenti sono stati scritti per l'occasione proprio dal nostro Maestro Paolo Carosi. Ad impreziosire la serata ci sarà la soprano Ilaria Casai e, per tutti gli appassionati di Star Wars, grandi e piccini, ci saranno i cosplayers dell'EMPISA Star Wars fan club, reduci dal meraviglioso Star Events di Maggio.

Gli artisti

Come ogni anno ad aprire il concerto csarà l'Orchestra della Scuola di Musica formata dagli allievi della nostra Scuola e dai docenti delle classi di strumento preparati e diretti dal M° Francesco Saviozzi.

A seguire l’Orchestra di Fiati o per meglio dire la Banda della Filarmonica Pisana che quest'anno sarà protagonista nella seconda parte del concerto, sotto la direzione  del Maestro Paolo Carosi .

Come partecipare

 l'ingresso è Libero in stile festa della Musica. Venite a fare festa con noi, non occorre prenotare!

 

Si ringrazia

L'evento è promossa dall'assessorato alla Cultura del Comune di Pisa e patrocinato dal